Photo ©Jacob Caddy
Luoghi della fede
Il Santuario della Verna
Un luogo dove la natura incontaminata si sposa con fede e cultura
Santuario della Verna
Località La Verna, 52010 Chiusi della Verna AR, Italia

Erano i primi anni del Duecento quando fu eretto sull’Appennino toscano uno dei più importanti Santuari francescani. Sorse così sul monte della Verna, per volere di San Francesco d’Assisi, il complesso conventuale oggi meta di pellegrinaggi da ogni parte del mondo. Tutto nacque dall’incontro di San Francesco con il Conte Orlando Cattani, feudatario del luogo, che decise di donare la montagna de La Verna al frate.

Il Santuario, che si erge sulla roccia abbracciato dalla natura della foresta casentinese, è uno tra i più belli d’Italia proprio per la sua posizione e uno tra i più importanti proprio perché strettamente connesso con San Francesco. Anche Dante esprime la sua ammirazione per il santo declamando  la roccia  come crudo sasso - Paradiso, canto XI (106 – 108) - e ne racconta la storia con l’ultimo sigillo riferendosi alle stigmate ricevute.
 

Meta di preghiera e raccoglimento, La Verna è infatti il luogo dove San Francesco ricevette le stigmate nel lontano 17 settembre 1224, un luogo dove natura e spiritualità trovano il loro equilibrio e dove la bellezza di luoghi incontaminati abbraccia fede, storia e cultura. Il complesso comprende la chiesetta di Santa Maria degli Angeli costruita dallo stesso Francesco, il corridoio e la Cappella della Sacre Stimmate e la Basilica dedicata a Santa Maria Assunta dove, ancora oggi, si può ammirare l’Annunciazione, uno dei capolavori dello scultore Andrea della Robbia.

Il Museo della Verna, posto dentro il Santuario, è un percorso nell'antica vita del convento, tra le grandi sale del Quattrocento e il salone del "fuoco comune", dove i frati passavano insieme le gelide serate invernali. 
Qui sono esposti preziosi oggetti liturgici, tra cui un reliquiario in rame dorato, ma anche dipinti di scuola fiorentina del Quattrocento e Cinquecento e altre opere d'arte tra cui spicca un busto di Cristo in ceramica attribuito ad Andrea della Robbia.

Come Dante e i Della Robbia, il panorama del paesaggio visibile dal paese di Chiusi Della Verna che sovrasta la valle del Casentino ha affascinato molti altri artisti, tra cui anche l’amatissimo Michelangelo. Difatti, nella Creazione di Adamo della Cappella Sistina è possibile osservare la stretta somiglianza tra il paesaggio reale e quello riprodotto dall’artista. Analizzando l’opera si può notare il profilo delle rocce su cui poggia semidisteso Adamo, e la magia nasce quando raggiungiamo la Podesteria di Chiusi della Verna attuale e scorgiamo la vista michelangiolesca fedelmente rappresentata nella sua opera.

Il Santuario De La Verna ha rappresentato e rappresenterà un luogo di pace dove ritrovare se stessi e i propri valori, ma ancor più importante è un luogo che integra perfettamente l’opera dell’uomo con la natura incontaminata che lo circonda.