Photo ©Flavia Cori
Frazioni, quartieri e piazze
Piazza Santo Spirito
In Oltrarno, una delle piazze più belle e vive di Firenze, dominata dalla facciata della basilica progettata da Brunelleschi

Piazza Santo Spirito, 30, 50125 Firenze FI, Italy
Nel 1252 i frati agostiniani costruirono a Firenze un convento con una chiesa dedicata a Santa Maria d'Ognissanti e allo Spirito Santo, che ben presto divenne nota semplicemente come chiesa di Santo Spirito.
Da questa deriva il nome di Piazza Santo Spirito, che si sviluppò durante la seconda metà del XIII secolo per raccogliere le folle di fedeli che assistevano alle orazioni.

Oggi è una delle piazze più amate della città, con la sua verve pittoresca, le botteghe artigiane e gli studi d’artisti, i ristoranti e i locali che la animano giorno e notte.
Uno dei simboli dell'Oltrarno e uno dei luoghi di ritrovo preferiti per residenti e turisti.

Fin dall’epoca medievale la piazza ha fatto da cornice a manifestazioni, giochi e feste, come la festa di San Rocco, patrono dell'Oltrarno (16 agosto), che veniva festeggiata imbandendo una grande cena in piazza.

Oggi Santo Spirito ospita stabilmente un affollato mercatino dell'artigianato (seconda domenica del mese) e "la fierucola" dei produttori biologici (terza domenica del mese). Saltuariamente è lo scenario di concerti e spettacoli, per lo più durante i mesi estivi.

La piazza è dominata dalla bella Basilica di Santo Spirito, costruita partendo dal progetto di Filippo Brunelleschi e terminata alla fine del XV secolo. La facciata non fu mai terminata e tutt'oggi si presenta come una semplice e affascinante parete intonacata. L'interno della chiesa è uno scrigno ricco di opere d'arte importanti, a cominciare dal crocifisso ligneo di Michelangelo, e poi pregevoli opere di Filippino Lippi, Sansovino, Orcagna, Giuliano da San Gallo.

Tra le numerose case quattrocentesche che circondano la piazza spicca Palazzo Guadagni, costruito nei primi anni del XVI secolo. La sua caratteristica loggia al piano superiore dette vita a una moda e servì da esempio per numerosi altri palazzi aristocratici di Firenze. Il piano terra ospitò la prima biblioteca pubblica di Firenze, aperta nel 1914.

Al centro della piazza è posta una fontana in pietra serena.