Photo ©Sailko, CC BY 3.0
Luoghi della fede
Pieve di Santa Maria Assunta a Chianni
Un’antica e imponente chiesa dalle origini sconosciute sorge lungo la Via Francigena e fu una tappa di Sigerico
Pieve di Chianni
Chianni, 50050 Gambassi Terme FI

La Pieve di Santa Maria Assunta a Chianni, o più semplicemente Pieve di Chianni, sorge nel territorio di Gambassi Terme, lungo il tracciato della Via Francigena.
La chiesa ha origini molto antiche; si sa che fu la ventesima tappa dell’arcivescovo Sigerico in viaggio da Roma a Canterbury, documentata nel suo diario come XX Sce Maria Glan.

Dalle notizie che sono giunte fino ai nostri giorni si è scoperto che all’inizio dell’XI secolo la pieve comprendeva un chiostro (di cui oggi non resta traccia) e che oltre un secolo dopo la sua costruzione non era ancora terminata: intorno al 1220, infatti, nelle tasse stabilite da Gambassi era prevista una quota destinata al completamento della chiesa.

La Pieve di Chianni fu per molti secoli sotto il controllo dei vescovi di Volterra, che erano soliti effettuare dei sopralluoghi per verificarne le condizioni. Nel ‘500 la struttura fu definita pericolante e subì una profonda ristrutturazione, a cui sono succeduti numerosi altri interventi.

A dispetto di ciò, è ancora possibile notare l’influenza volterrana nell’estetica dell’edificio, riscontrabile nello stile delle maestranze e nella somiglianza con il Duomo di Volterra.

Costruita in pietra arenaria, la pieve è caratterizzata da una calda sfumatura di ocra, che spicca tra la vegetazione.
La facciata presenta un notevole apparato decorativo con robuste lesene (rinforzate intorno alla metà dell’Ottocento). Oltre al corpo centrale - ripartito in tre sezioni sia all’interno che all’esterno - la chiesa comprende il transetto e la canonica. L’interno è suddiviso in tre navate da due file di colonne, che sorreggono archi a tutto sesto. 
Le pareti si presentano improntate alla semplicità e all’austerità dello stile romanico, mentre i capitelli che sormontano le colonne sono riccamente decorati, ciascuno diverso dagli altri. Particolare è il secondo capitello della fila di sinistra, che reca inciso il nome di Johannes Bunvivulus, probabilmente uno dei maestri costruttori della pieve. 

Un’altra caratteristica curiosa è l’asimmetria delle colonne: se la fila di destra poggia direttamente sul basamento a terra, quella di sinistra è più corta e comprende l’aggiunta di un piedistallo.

La Pieve di Chianni è visitabile in estate.
Dal 2009, inoltre, gli edifici annessi alla chiesa ospitano l’Ostello dei Pellegrini.