Lucignano Panorama Fortezza
Photo ©Edisonblus
Monte San Savino, il borgo di Gargonza e Lucignano: ecco alcune perle custodite in Toscana
3 gioielli della Valdichiana da visitare
La Valdichiana è una valle di origine alluvionale situata nell’Italia centrale che comprende le due province di Arezzo e Siena. L’area oggetto di questo itinerario è quella aretina dove brillano tre gioielli storici e architettonici come Monte San Savino, Gargonza e Lucignano. Quasi d’obbligo, infine, in occasione di una gita in questo lembo di Toscana, fermarsi in un buon ristorante oppure in una caratteristica trattoria: siamo in Valdichiana; la carne e il vino sono attrattive che valgono da sole una camminata.
Monte San Savino
A Monte San Savino belli sono il Palazzo Comunale, la Loggia dei Mercanti e il giardino pensile, situati lungo la strada principale del paese ed il Cassero con al suo interno il piccolo museo comunale composto da belle raccolte di ceramiche.
La piccola città è infatti un punto di riferimento per gli antichi mestieri e le lavorazioni artigianali. Proprio qui potrete conoscere da vicino l'iter del ferro battuto, nonchè acquistare oggetti e beni realizzati in loco.
Gargonza

A poca distanza, in mezzo ai fitti boschi, si erge il borgo fortificato di Gargonza. La torre, la porta d'ingresso, la piccola piazza su cui si affaccia la Pieve dedicata ai Santi Tiburzio e Susanna costituisco l'antico nucleo trecentesco.

Il Castello di Gargonza è solo uno dei numerosi castelli toscani con una lunga storia alle spalle. Già nell'orbita di Arezzo come feudo dei Conti Ubertini, in epoca medievale è stato oggetto di dispute fra Guelfi e Ghibellini, come del resto quasi tutti i fortilizi della zona. Da qui, infatti, è passato anche Dante Alighieri.

Gargonza è oggi un importante centro agrituristico, lo scenario ideale per organizzare matrimoni, cerimonie e meeting.

Lucignano

L'abitato di Lucignano è realmente unico. Il paese è realizzato secondo una pianta urbanistica ellittica, ovvero secondo tanti anelli concentrici collegati tra loro da brevi vicoli, che culminano nella piazza centrale ove si affacciano la chiesa di San Francesco e la Collegiata.
Accanto alla chiesa, sorge il piccolo museo dove è custodito uno splendido reliquiario tutto d'oro e incastonato di pietre preziose che ha la forma d'albero, perciò è chiamato "Albero di Lucignano o Albero dell'Amore". Su questo capolavoro si tramandano da generazione in generazione alcune leggende. La prima dice che depositare ai piedi dell'albero i fiori della cerimonia nuziale porti molto bene agli sposini. La seconda invece ne consiglia la vista alle coppie non più giovanissime, avendo (l'albero) virtù afrodisiache.
Nel museo, inoltre, è possibile ammirare anche alcune belle tavole di Luca Signorelli e Bartolo di Fredi.