santa maria del fiore
Photo ©Rutger Blom
Breve guida del patrimonio artistico accessibile
Musei e altri luoghi d'arte senza barriere a Firenze
Firenze, tra le città più belle al mondo, mostra in ogni suo angolo tesori di inestimabile valore grazie al suo patrimonio storico-artistico accessibile a tutti, anche alle persone con difficoltà motorie e sensoriali.

Punti di interesse mondiale con strutture e servizi fruibili: attrezzature specifiche, itinerari guidati ed accessi appositi facilitano la visita alle persone con bisogni speciali che spesso rinunciano a viaggiare per la paura di non trovare un'organizzazione di qualità. La Toscana offre invece una cultura senza barriere: ascensori ampi, bagni attrezzati per disabili, montascale e personale addetto, sono esempi degli strumenti offerti per favorire l'accesso e la fruizione.
 
Ecco una guida di Firenze utile da consultare in particolare per chi ha bisogno di infrastrutture d'accoglienza per viaggiare in comodità e sicurezza, come ad esempio disabili, anziani, genitori con i bambini nel passeggino.
Musei e palazzi accessibili

I musei e palazzi più famosi al mondo ci lasciano scoprire con facilità, con servizi ed itinerari specifici, le opere d'arte create dalle mani degli artisti più grandiosi.

La Galleria degli Uffizi, all'ingresso in Via della Ninna, ha la rampa d'accesso per le sedie a rotelle e il personale di assistenza. Il secondo piano è accessibile tramite ascensori; all'entrata si può chiedere una sedia a rotelle di dimensioni compatibili con l'ascensore. C'è un montascale per raggiungere sia il bar che la terrazza.
La Galleria degli Uffizi ha anche un percorso speciale per ciechi e ipovedenti, e i cani guida sono ammessi all'interno del museo.

la Galleria dell'Accademia è completamente accessibile, con ascensori e montascale che permettono ai visitatori di raggiungere tutti i piani.

Il Museo dell'Opera del Duomo è completamente accessibile e dotato di ascensori che permettono di accedere ai tre piani e alla terrazza. Ci sono percorsi studiati per un pubblico speciale (ipovedenti, persone con difficoltà uditive, persone con Alzheimer o altre malattie).
Gli altri monumenti del complesso - Cripta di Santa Reparata, Cupola del Brunelleschi, Campanile di Giotto - non sono accessibili.

Per i visitatori con disabilità motorie l'accesso a Palazzo Vecchio è dall'ingresso laterale su via dei Gondi. I due piani principali del museo sono accessibili, il percorso archeologico è parzialmente accessibile, mentre ci sono alcuni impedimenti che non permettono l'accesso al piano rialzato, al Camminamento di Ronda e alla Torre.

Da Piazza Pitti la salita fino all'ingresso di Palazzo Pitti è molto ripida ma completamente accessibile; se avete una sedia a rotelle manuale, avrete bisogno di qualcuno che vi aiuti. Non ci sono gradini per entrare nel cortile interno del palazzo, dove si trovano gli ascensori; ci sono alcuni gradini sulla strada per la biglietteria.
Il Palazzo è diviso in quattro musei: il Tesoro dei Granduchi (accessibile al piano terra), la Galleria Palatina e gli Appartamenti Imperiali e Reali al primo piano (accessibili con ascensori di 90 cm di larghezza), la Galleria d'Arte Moderna (accessibile con ascensore e percorso multisensoriale) e il Museo del Costume e della Moda al secondo piano (con ascensore largo 90 cm e con visite guidate speciali su prenotazione).

Il Giardino di Boboli per i visitatori con disabilità motorie è accessibile solo con un aiuto, perché quasi tutti i sentieri sono di ghiaia e presenta molte inclinazioni e pendenze. Il Museo della Porcellana, all'interno del giardino, non è accessibile.

il Museo Nazionale del Bargello presenta un marciapiede collegato all'ingresso. Tutte le sale del museo sono accessibili; i gradini possono essere superati per mezzo di rampe (alcune ripide, ma il personale è disponibile ad aiutare) e un ascensore. C'è un percorso tattile e delle audioguide per gli ipovedenti. 

 Museo di San Marco presenta un marciapiede stretto e la presenza di un gradino richiede la pedana mobile che può essere richiesta al personale. L'interno del museo è interamente fruibile, grazie alla presenza di rampe e ascensori. La chiesa di San Marco invece non è accessibile.

Il personale di Palazzo Davanzati può aggiungere una rampa all'ingresso principale e aiutare ad aprire le porte pesanti. Un ascensore raggiunge il primo piano e, su prenotazione, il secondo e il terzo. Una visita tattile può essere organizzata per gli ipovedenti.

L'ingresso consigliato al Museo Stibbert per le persone con disabilità motorie è da Via di Montughi 4. Alcune sale al piano terra sono di difficile accesso per la presenza di gradini; il primo piano è raggiungibile con un ascensore; l'Armeria giapponese non è accessibile.

Per i visitatori con disabilità motorie l'ingresso a Palazzo Medici Riccardi è da via Cavour 1, dove ci si può rivolgere alla portineria per aprire il cancello del cortile e attivare il montascale per il Museo dei Marmi (seminterrato), le sale del primo piano, la Cappella di Benozzo Gozzoli e il Salone di Luca Giordano. La Cappella dei Magi non è accessibile.

Per quanto riguarda il Museo Galileo, i visitatori con disabilità motoria possono accedere dall'ingresso al Lungarno Anna Maria Luisa de' Medici n.2, richiedendo l'intervento del personale al citofono. All'interno, il museo è accessibile in tutte le sue parti, grazie ad un montascale. Un percorso tattile è disponibile su prenotazione.

Il Museo Novecento (fatta eccezione del mezzanino) e il Museo degli Innocenti sono completamente accessibili.

Chiese accessibili

Cattedrale di Santa Maria del Fiore presenta un ingresso comodo sul lato destro. L'interno è completamente accessibile e c'è il percorso tattile, che include un modello dell'intero complesso monumentale. 

Il Battistero di San Giovanni è completamente accessibile per le persone con disabilità motorie (c'è una rampa all'entrata). All'interno è disponibile un percorso tattile.

La Basilica di Santa Croce è accessibile per coloro che usano una sedia a rotelle o hanno disabilità motorie da Largo Bargellini, sul lato sinistro della chiesa. Per visitare il resto del complesso (chiostro, Cappella Pazzi, museo e refettorio), l'ingresso è dalla porta d'accesso al primo chiostro (a destra della facciata).

La Chiesa di Santa Maria Novella è accessibile ad eccezione della Cappella Tornabuoni e delle due cappelle del transetto. Per andare dalla basilica al museo, bisogna uscire in Piazza Santa Maria Novella, raggiungere l'uscita del museo (guardando la facciata, a sinistra) e suonare il campanello e farsi aprire l'accesso dedicato dal personale. Il museo è completamente accessibile. 

Le Cappelle Medicee presentano una rampa che garantisce l'accessibilità per le sedie a rotelle al piano terra. Al piano superiore si accede tramite un ascensore che collega il piano d'ingresso (Cripta) al primo piano delle Cappelle Medicee dove si trovano la Cappella dei Principi e la Sagrestia Nuova di Michelangelo. Un ascensore a piattaforma permette l'accesso alla Sagrestia Nuova (attivato su richiesta).

La Sinagoga di Firenze e il primo piano del museo ebraico sono completamente accessibili ai visitatori con disabilità motorie. Il secondo piano è aperto con accesso limitato.

Ulteriori informazioni

Visita Feel Florence e sfoglia la sezione dedicata all'accessibilità per scoprire tante altre attrazioni, percorsi e eventi.