Ponce livornese
Photo ©Ambito Livorno
Ideale contro il freddo, questa bevanda alcolica è ottima anche come digestivo ed è tipica della città di Livorno
Il Ponce: tradizione della dolce vita livornese
Livorno
by Livorno /it/autori/ambito-turistico-livorno/

Il “ponce” è una bevanda alcolica tipica della città di Livorno nata tra il XVII e il XVIII secolo. L’origine pare risalire al punch inglese; non è un caso che le comunità britanniche nel Seicento erano numerose in città. All’epoca, i livornesi partirono dagli ingredienti principali del punch e sostituirono il caffè al tè e aggiunsero il rum al posto dell’acquavite.
Lasciarono invariati gli altri ingredienti (zucchero, limone e cannella) e nacque così il ponce che, ovviamente, nel tempo ha subito delle modifiche rispetto alla ricetta conosciuta oggi.

Il ponce livornese non è semplicemente un caffè corretto al rum: ci sono una serie di passaggi e di accortezze che lo differenziano dal classico caffè corretto con un liquore. Viene utilizzata una tazzina, spesso in vetro, leggermente più grande della classica tazzina da caffè; questa tazzina per il ponce a Livorno viene chiamata “gottino”. Inoltre, è fondamentale l’aggiunta della cosiddetta “vela”, la scorza di limone.

Per il più tipico ponce livornese è necessario aggiungere zucchero e usare il “rumme” o “rum fantasia”, una tipologia di rum di produzione locale, più economica e con sciroppo al caramello. Si porta a ebollizione con il beccuccio del vapore della macchina del caffè e si aggiunge un caffè ristretto. Il ponce è pronto per essere servito e deve essere bevuto caldo!

Esistono numerose varianti del ponce classico (il ponce “mezzo e mezzo”, quello “americano” o, ancora, quello “rinforzato”), ma ci sono anche degli accorgimenti che ogni barista interpreta a modo suo. Il vero ponce alla livornese è a base di caffè, rum e sassolino, ed è ideale come digestivo a fine pasto.