Santa Maria delle Scala di Siena
Photo ©Ilaria Giannini
L' elenco dei musei imperdibili, per ammirare capolavori dall'antichità all'arte contempooranea
Top 15 musei in Toscana

In tema di arte, la Toscana è un vero e proprio scrigno di tesori. Qui i musei conservano capolavori appartenenti a tutti i periodi della storia dell'arte: rari reperti antichi, splendori del Rinascimento, importanti opere contemporanee. Tra la vastissima offerta culturale toscana, ecco una selezione di 15 imperdibili custodi di meraviglie.

Galleria degli Uffizi - Firenze

Una visita a Firenze semplicemente non è completa senza una sosta alla Galleria degli Uffizi, uno dei musei più importanti e conosciuti al mondo. Nelle stanze del palazzo fatto costruire da Giorgio Vasari nel 1560, su ordine di Cosimo I de' Medici, sono conservati dipinti e sculture di tutte le epoche, inclusi alcuni capolavori dell'arte rinascimentale, come La Nascita di Venere di Sandro Botticelli e il Tondo Doni di Michelangelo. Riempiti gli occhi con la bellezza dell'eredità artistica lasciata dai Medici alla città, mentre attraversi i corridoi di questa leggendaria galleria.

Galleria dell'Accademia - Firenze

Sede delle iconiche sculture rinascimentali di Michelangelo, tra cui il magnifico e celebre David, la Galleria dell'Accademia di Firenze è senza dubbio una delle attrazioni imperdibili della Toscana. Oltre a Michelangelo, all'interno scoprirai dipinti di Ghirlandaio e Botticelli, imparerai le tecniche per realizzare la pittura su pannelli di legno e le sculture in marmo, ammirerai capolavori di fama mondiale tra cui il Ratto delle Sabine di Giambologna. Concediti almeno due ore per rendere giustizia all'Accademia.

Il Museo del Diario di Pieve Santo Stefano

Il Piccolo Museo del Diario di Pieve Santo Stefano, piccolo borgo nella zona di Arezzo, è un luogo unico al mondo: un percorso museale creato per valorizzare l’immenso patrimonio dell' Archivio Diaristico Nazionale, che dal 1984 raccoglie diari e memorie della gente comune e ne custodisce oggi oltre ottomila.
Il pezzo forte dell'esposizione è il lenzuolo di Clelia Marchi, dove questa contadina mantovana decise di scrivere la storia della propria vita, dopo la morte del marito.

Il Santa Maria della Scala di Siena

Nato come antico spedale per i pellegrini che percorrevano la Via Francigena, oggi il Santa Maria della Scala di Siena ospita un labirinto di corridoi e livelli che custodiscono opere d'arte gloriose e raccontano la storia della cultura italiana attraverso i secoli. Il percorso comprende il Museo Archeologico Nazionale, sculture in pietra secolari e preziose reliquie sacre. Straordinaria la Sala del Pellegrinaio, dove gli affreschi raccontano la vita quotidiana e le missioni dell'ospedale nel Quattrocento.

Centro Pecci di Prato

Il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato è stato il primo centro di arte contemporanea ad aprire in Italia, nel 1988. Oggi comprende più di mille opere di oltre trecento artisti, dagli anni Cinquanta del Novecento ad oggi. Qui si trova in mostra tutto ciò che è nuovo e all'avanguardia nella pittura, scultura, architettura, design, moda, fotografia, video, film, teatro, danza e musica. Un'istituzione a forma di UFO che saprà soddisfare il vostro bisogno di modernità, in un panorama di gallerie e musei dedicati al glorioso passato della cultura italiana.

Museo di Storia Naturale - Calci (Pisa)

Il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa è nato nel XVI secolo e conserva una collezione senza pari per ricchezza storica e scientifica. Il museo si trova all'interno dello splendido complesso monumentale della Certosa di Calci, risalente al XIV secolo, a 11 km dalla città di Pisa. Scopri tutto su cetacei e paleontologia e visita il più grande acquario d'acqua dolce in Italia.

Palazzo Blu - Pisa

Sul Lungarno, nel cuore del centro storico di Pisa, risalta la facciata di Palazzo Blu, un importante museo e centro culturale. Questo elegante edificio risale in parte all'XI secolo ed è stato di proprietà di alcune delle famiglie più potenti della città, fino alla seconda metà del XX secolo. Oltre a una collezione permanente, che spazia dalle sculture del XIII secolo alla fotografia del XX secolo, ospita notevoli mostre temporanee. Uno spazio da tenere sempre d'occhio!

Museo Archeologico Nazionale - Chiusi

Il Museo Archeologico Nazionale di Chiusi raccoglie i reperti etruschi, romani e longobardi provenienti dal territorio e nel suo percorso di visita sono comprese le tombe etrusche scoperte nel corso degli anni. Dalla Preistoria al Medioevo, urne cinerarie, ceramiche, sculture e gioielli sono distribuiti su due piani.

Museo della Carta - Pescia

L'obiettivo del Museo della Carta di Pescia è quello di preservare, tramandare e raccontare l'importanza e l'evoluzione dell'antica arte della carta fatta a mano, un mestiere esercitato a Pescia e nei dintorni sin dalla fine del XV secolo. Con modelli in scala perfettamente funzionanti e la possibilità di provare a creare la propria carta utilizzando le antiche tecniche dei maestri artigiani, questo museo offre un'esperienza immersiva in un aspetto meno noto della storia toscana.

CARMI - Carrara

Il Museo Carrara e Michelangelo è dedicato al rapporto tra Michelangelo, la città di Carrara, e il marmo, materiale che lo scultore-architetto prediligeva nella realizzazione dei suoi capolavori. La mostra permanente è ospitata all'interno dell'ottocentesca Villa Fabbricotti, e si articola in sei sale, ciascuna incentrata su un aspetto diverso della storia e dell'arte di Michelangelo. Mostre temporanee e un film sulla vita di Michelangelo completano l'allestimento del CARMI.

Museo delle Statue Stele Lunigianesi - Pontremoli

Situato dentro il Castello del Piagnaro, a Pontremoli, il Museo delle Statue Stele Lunigianesi raccoglie le misteriose e antichissime statue rinvenute in tutta la Lunigiana e realizzate da popoli che abitarono questo territorio tra il IV e i I millennio a.C.. La mostra comprende alcuni video che illustrano la storia delle statue e di come furono scoperte. La vista panoramica dal castello è la ciliegina sulla torta.

MAGMA - Follonica

Ospitato in un'antica fonderia, il MAGMA - Museo delle Arti in Ghisa della Maremma racconta la storia di Follonica e della sua industria del ferro. Moderno e adatto alle famiglie, questo museo utilizza contenuti multimediali per creare mostre coinvolgenti e colorate disposte tre piani, Con un piano dedicato all'arte, uno alla storia e uno alla produzione, MAGMA offre un'esperienza di apprendimento approfondita ma divertente per tutti.

Puccini Museum – Lucca

Scopri la personalità, le passioni e il genio del grande maestro Giacomo Puccini nella sua città natale, Lucca. Il Puccini Museum è situato all'interno della casa in cui il compositore nacque nel 1858 e trascorse poi i primi due decenni della sua vita. Nel museo sono stati ripristinati gli ambienti originali e collocati gli arredi storici; l’appartamento custodisce preziosi oggetti appartenuti al musicista, tra cui il pianoforte Steinway & Sons su cui compose l’opera Turandot, partiture autografe, lettere, quadri, fotografie e documenti preziosi.

Museo della Città di Livorno

Passando da Livorno non si può mancare una visita al Museo della Città di Livorno che racconta la storia della più importante città portuale della Toscana. L'evoluzione storica e culturale di Livorno, dalle origini ai nostri giorni, è narrata attraverso un'esposizione di opere d'arte, fotografie, ricordi e reperti archeologici. Ospitato all'interno delle ampie sale dell'antico edificio dei Bottini dell'Olio, un tempo deposito petrolifero, nel cuore del quartiere Venezia, conserva pezzi unici, come il poncho e il cappello da battaglia di Garibaldi. Sono presenti sezioni dedicate alla satira, al cinema e all'arte contemporanea.

 

Museo Civico Giovanni Fattori - Livorno

Il Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno conserva le opere d'arte di alcuni tra i migliori artisti toscani attivi tra il XIX e il XX secolo. Ospitata all'interno di Villa Mimbeli, la ricca collezione presenta importanti dipinti di Giovanni Fattori, come l'Assalto a Madonna della Scoperta, e alcune opere altamente espressive dei Macchiaioli (Telemaco Signorini, Silvestro Lega e Giovanni Boldini) e dei Postmacchiaioli (Eugenio Cecconi e Vittorio Corcos).