Scoprire le meraviglie del Monte Amiata in bicicletta

Verso Radicofani attraverso paesaggi spettacolari
directions_bike
Gravel, Mountain bike 58.1 Km
Durata
Tour giornaliero
Difficoltà tecnica
Impegnativo
Impegno fisico
Impegnativo

Partendo da Abbadia San Salvatore, si possono percorrere numerosi itinerari in bicicletta per scoprire le bellezze del Monte Amiata. I più allenati vorranno sicuramente intraprendere quello che procede in direzione di Radicofani. Si tratta di un percorso dai paesaggi spettacolari caratterizzato da un profilo altimetrico con tre ascese: Radicofani, Celle sul Rigo e Piancastagnaio; le pendenze non sono mai troppo ripide e permettono una pedalata in relativa agilità ma richiedono un equilibrato dosaggio di energie.

Assolutamente da non perdere la visita alla Rocca di Radicofani e in particolare l’ascesa sulla torre, da dove si gode un panorama straordinario a 360° su Amiata, Val d’Orcia, Siena e, nelle giornate più limpide, Gran Sasso, laghi di Bolsena e Trasimeno.

Dal centro di Abbadia San Salvatore si seguono le indicazioni per Siena sulla S.P. 18. Si pedala prima in salita e poi in falsopiano; dopo 4,6 km la S.P. 18 piega a destra in discesa verso Siena - Radicofani; ancora 500 m e ancora a destra in direzione Radicofani. La strada scende con decisione dalle falde del massiccio amiatino verso i grandi spazi della Val d’Orcia per 8,3 km fino ad un incrocio a T dove si piega a destra per Radicofani.

Dopo un tratto vallonato (1,5 km) comincia la salita verso Radicofani e la sua rocca: si pedala in costante salita per 3,2 km raggiungendo così la deviazione per il centro del paese. Consigliamo di salire fino alla rocca (circa 1,3 km) e poi scendere nelle stradine del borgo medievale.

Uscendo da Radicofani si seguono le indicazioni per Chiusi - Sarteano in discesa. Dopo 2,9 km si gira a destra sulla S.P. 54 “Valle del Rigo” in direzione Celle sul Rigo - San Casciano dei Bagni proseguendo la veloce discesa fino al ponte sul Rigo (5,8 km) dove si risale in 3 km alla volta di Celle sul Rigo. Nuovamente in discesa dopo 1,3 km incrocio a T: proseguiamo a destra in discesa verso Siena; girando invece a sinistra si possono raggiungere San Casciano dei Bagni (4 km) e le Terme (5,2 km).

La strada in costante discesa (9,4 km) raggiunge la S.S. 2 Cassia (direz. Siena) poco prima del ponte sul Rigo; oltrepassata la frazione di Ponte a Rigo si lascia la Cassia girando a sinistra in direzione di Piancastagnaio - Abbadia San Salvatore pedalando sulla S.P. 18 del monte Amiata che oltrepassa il fiume Paglia. Dopo un primo tratto vallonato (poco meno di 4 km) inizia la salita verso Piancastagnaio caratterizzata da ampi tornanti e pendenza costante se si escludono due brevi tratti più impegnativi rispettivamente al 10% e al 12%. Dopo 6 km si raggiunge Piancastagnaio e la salita continua ancora 1 km fino all’innesto nella S.P. 18 dove si piega a destra verso Abbadia San Salvatore - Siena che si raggiunge senza alcuna difficoltà in 4 km.

infoPiù informazioni
Impegno fisico:
Impegnativo
Difficoltà tecnica:
Impegnativo
trending_up
Dislivello in salita:
1007 m
trending_down
Dislivello in discesa:
1008 m
date_range
Periodo consigliato:
Tutto l'anno
place
Località:
Piancastagnaio
Per altre informazioni su questo itinerario visitate la pagina web al seguente link:
https://www.visittuscany.it/it/itinerari-bike/verso-radicofani-in-bicicletta/
Disclaimer
I percorsi in bicicletta pubblicati su questo sito sono stati tracciati dagli autori indicati nella scheda tecnica di ogni percorso. Gli itinerari per la maggior parte non sono piste ciclabili su sede propria o protetta ma sono soprattutto strade carrabili, strade sterrate o sentieri. Gli autori che pubblicano i percorsi sul sito dichiarano sotto la loro responsabilità che la percorribilità in bicicletta e la sicurezza dei tracciati rientrano nella norma dei percorsi cicloturistici e che non sono di norma attraversate proprietà private senza l’approvazione dei proprietari.
Gli utenti che scaricano le tracce GPS o le mappe prendono atto che gli itinerari percorrono strade aperte al traffico veicolare, in cui deve essere rispettato il Codice della Strada e le normali norme di prudenza e buonsenso.
Fondazione Sistema Toscana e Toscana Promozione Turistica non garantiscono la regolarità dei percorsi ma si limitano ad evidenziarli nella piattaforma software per possibile utilità Non si assumono quindi alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche e giuridiche per perdite, danni, infortuni, reclami, responsabilità o cause di altro tipo o natura relativi a tali percorsi o da questi derivanti.