La vecchia strada dell’erica ad Ambra
Un itinerario in Valdambra sulle tracce degli antenati Etruschi
directions_walk
14 km
Durata
4 ore e 30 min
Difficoltà
Facile

Siete appassionati di trekking nella natura? La Valdambra è il territorio che fa per voi. Tra i vigneti, gli oliveti e i boschi di querce camminerete all’aria aperta nei dintorni di Bucine alla scoperta delle sue autentiche bellezze. L’itinerario ad anello che vi proponiamo inizia e termina nel piccolo centro di Ambra, si snoda tra San Pancrazio e Gavignano tra reperti e antichi insediamenti etruschi.

L’itinerario ha inizio presso il centro abitato di Ambra che sorge sopra l’omonimo torrente. Qui si può visitare l’antico castello, danneggiato nel corso del Trecento dalle truppe fiorentine e, sempre qui, è stato ritrovato un notevole insediamento etrusco.


Chiesa di Santa Maria ad Ambra
Chiesa di Santa Maria ad Ambra 

Si prosegue lungo il sentiero CAI 103, tra eriche e querce, che ci conduce fino al poggio Castiglioni: un’altra località abitata fin dai tempi degli Etruschi.

Dove una volta vivevano i popoli antichi, adesso si trovano solo alberi e arbusti. Andando avanti tra le rocce, si arriva alla casa poderale di Poggio all’Olmo; si discende tra oliveti e vigneti fino al borgo di San Pancrazio, dove si trova un triste monumento in memoria di coloro che nell’estate del 1944 furono vittime innocenti di un atto di ferocia nazista.

La cantina della fattoria, dove gli uomini catturati furono freddamente uccisi e i loro corpi accatastati e dati alle fiamme, è oggi un museo per non dimenticare fino a che punto la follia umana è stata capace di arrivare.

Si attraversa il paese si continua a camminare in discesa verso il podere Asciana; si supera un ponticello e poi ancora un altro prima di arrivare alle case Greti. Ci si immette sulla provinciale, per poi svoltare a sinistra per una stradella poderale che va lungo un vigneto, seguendo la segnaletica del CAI 125 che ci guida fino a Gavignano.

Si cammina tra piante imponenti di cedri dell’abitato e ci si ritrova sulla strada provinciale 540, l’arteria principale della Valdambra. Lungo un marciapiede, si torna al ponte Bichi ad Ambra: un’occasione per visitare la chiesa dedicata a Santa Maria. Al suo interno è conservata una natività attribuita al pittore seicentesco Michelangelo Vestrucci.

Questo itinerario fa parte della guida Il Diario del Viandante, del comune di Bucine. Sul sito ufficiale potete trovare i dettagli dei percorsi, informazioni utili e le mappe da scaricare.