Photo ©PMM
Foiano della Chiana
Importanti opere del rinascimento unite al famoso carnevale

Foiano della Chiana si trova in Valdichiana, una terra fatta dalle forme definite delle sue colline e dai sapori decisi dei suoi piatti tipici. Con i suoi colori rossastri, dati dal cotto delle costruzioni, il paese è un piccolo gioiello dalle origini antichissime, con un passato etrusco e romano.
La sua storia è anche illustrata dal celebre artista a tutto tondo Giorgio Vasari: si tratta di uno scontro armato, la Battaglia di Scannagallo, combattuto nel 1554 tra l’esercito franco-senese e quello ispano-mediceo. L’affresco che racconta questa vicenda è visibile nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze.

Cosa vedere a Foiano della Chiana

Varie sono le personalità importanti legate a Foiano della Chiana, in particolare abilissimi artisti, che hanno lasciato opere degne di nota. Se ci si affaccia, infatti, nelle chiese di Foiano, si rimane colpiti di come questi edifici, talvolta così semplici all’esterno, possano riservare gradevoli sorprese.
È nella Chiesa di Sant’Eufemia (nota anche come Chiesa di Santa Maria della Fraternità) che si trovano delle meravigliose Madonne dei Della Robbia, così come loro creazioni sono conservate nella Chiesa di San Francesco e in quella di  San Michele Arcangelo (conosciuta anche come chiesa di San Domenico), nella quale recentemente è stato restaurato un affresco dedicato all’Adorazione dei Magi.
Anche la pittura ha dei degni rappresentanti, basta osservare la Collegiata di San Martino, dove spiccano la grande tavola dipinta dell’Incoronazione della Vergine di Luca Signorelli e un dipinto del Pomarancio

Piazza Cavour è il punto più alto del paese e per questo gli abitanti del paese la chiamano da sempre “Piazz’Alta”: vi si accede percorrendo la scalinata che passa sotto l’arco della caratteristica Torre Civica. Nel cuore della piazza sorgono il Palazzo delle Logge, residenza di caccia medicea del XVI secolo - oggi sede della Biblioteca Comunale - e il Palazzo Pretorio, l’antica abitazione del Podestà che oggi ospita la sede del Comune di Foiano.

Nei dintorni

Foiano è un’ottima base di partenza per visitare il territorio della Valdichiana, magari con un itinerario in bicicletta lungo il Sentiero della Bonifica, che collega la città di Arezzo a Chiusi.
A pochi km da Foiano della Chiana è possibile visitare il piccolo centro di Lucignano. Il paese rappresenta uno degli esempi più interessanti di urbanistica medievale per il suo impianto ellittico ad anelli concentrici. Da non perdere inoltre Cortona, un borgo molto pittoresco per via della sua architettura tipicamente medievale, fatta di antichi palazzi, vicoli stretti e acciottolati, piccole botteghe artigiane e trattorie tipiche toscane.

Eventi

C’è qualcosa di ancora più speciale, però, che rende Foiano della Chiana nota a grandi e piccoli, ed è il suo immenso doppio Carnevale. I quattro “cantieri” si sfidano a colpi di arte e creatività, realizzando dei coloratissimi carri che vengono fatti sfilare per le vie del centro storico. Pittoresco è anche il finale, il momento in cui il fantoccio del personaggio principale, il Re Giocondo, viene bruciato in piazza con petardi e fiamme. Per rivivere l’emozione, si mette in piedi anche un secondo carnevale, in estate, per salutare i carri prima che vengano definitivamente distrutti, pronti a ripartire da zero per l’anno nuovo.

Prodotti tipici

A Foiano della Chiana è possibile trovare i piatti tipici della tradizione contadina chianina, ma durante il periodo pasquale solo a Foiano si può assaggiare il ciambellino: un grande biscotto a base di farina e uova dalla caratteristica forma a ciambella che si mangia rigorosamente inzuppato nel Vin Santo. 

Infine Foiano della Chiana si trova sulla Strada del Vino Terre di Arezzo: un itinerario che attraversa tutta l’area viticola dell’aretino permettendo di esplorare e degustare le eccellenze enogastronomiche e i vini DOC del territorio.