Photo ©mikeccross
Murlo
Un antico borgo delle Terre di Siena dall’aspetto medievale ma dall’anima etrusca

Il borgo di Murlo ci parla sin dal suo nome della sua natura, il latino murulus significa infatti “luogo murato”, e subito vengono in mente le belle mura in cotto che cingono il borgo, ma del resto – secondo altri – il toponimo potrebbe anche derivare dalla voce latina mus (“topo”), e non a caso si vedono diversi piccoli roditori rampanti affacciarsi dai più antichi stemmi comunali.

Il caratteristico borgo medievale si trova in cima a una collina da cui si domina la valle del Crevole ricoperta di fitti boschi, in una posizione di confine tra la Val di Merse (a cui Murlo appartiene) e la zona delle Crete della Val d’Arbia; affacciandosi da una magnifica posizione sulla valle dell’Ombrone e sul colle di Montalcino.

Cosa vedere a Murlo

La zona di Murlo era abitata da tempi remotissimi, le origini del luogo sono infatti legate alla civiltà etrusca, come testimoniato dai ritrovamenti di Poggio Civitate e Poggio Aguzzo

Il Castello di Murlo, dalla tipica struttura di borgo fortificato, risale al XII secolo, quando fu centro principale del Feudo dei vescovi di Siena o Vescovado. La pianta del Castello che vediamo oggi dipende dalle trasformazioni avvenute alla fine del ‘500 dopo la caduta della Repubblica di Siena, e rivela la struttura dell’antica fortezza con le mura sovrastate da piccole abitazioni che circondano il Palazzo del Vescovo (oggi sede dell’interessante Museo Archeologico all’interno del quale è possibile ammirare il notevole Antiquarium etrusco di Civitate), l’edificio delle carceri e la cattedrale. 

Interessante l’Eremo di Montespecchio, situato nell’omonima località: le mura dell’edificio, costruito nei primi anni del Medioevo, presentano un’inclinazione maggiore di quella della Torre Pendente di Pisa.

Nei dintorni

Nei pressi di Murlo si trova Vescovado, un antico centro formatosi dalla fusione dei due villaggi di Andica e Tinoni, che all’inizio dell’800 erano ancora separati. Nella chiesa di Vescovado è conservato un dipinto di Benvenuto di Giovanni del 1475, raffigura una Madonna in trono con Santi.

Nell’incantevole paesaggio del territorio comunale è da segnalare la presenza di parte della Riserva Naturale del Basso Merse, fiume che accoglie nel suo alveo alcune specie ormai rarissime, come la lontra e alcuni tipi di anfibi. 

L’itinerario alla scoperta delle Terre di Siena può proseguire con una rilassante seduta di benessere alle Terme di Petriolo a Monticiano o a quelle di Rapolano; oppure con una speciale visita all’abbazia di San Galgano, a Chiusdino, un luogo carico di mistero che evoca riflessioni e silenzi.

Eventi

A Murlo, nel periodo estivo, si svolge Bluetrusco, l’unico festival dedicato alla cultura etrusca, con visite guidate, concerti e teatro. L'evento dà risalto anche alle bellezze naturalistiche del territorio con passeggiate lungo le colline che circondano il paese. Non mancano all’appello mostre fotografiche contemporanee, proiezioni cinematografiche, esposizioni enogastronomiche e momenti dedicati al dibattito sulla storia e sul rispetto dell’ambiente. 

Piatti e prodotti tipici

Murlo fa parte della rete delle Città del Vino. Qui, infatti, si producono un ottimo vino e un eccellente vin santo, ideali per accompagnare le ricette della tradizione. Tra i piatti tipici si segnalano la ribollita alla senese, una variante della classica ribollita toscana, fatta con pane raffermo, legumi e verdure di stagione; pici al ragù del fattore, un sugo di carne arricchito con funghi porcini; piccione ripieno.