Photo ©Davide Papalini
Porcari
Antico crocevia tra le vie Francigena e Cassia

Porcari si trova nella Piana di Lucca sulle sponde dell’antico lago di Sesto, un tempo importante crocevia tra la Via Francigena e la Via Cassia. Del Castrum Porcari si hanno testimonianze scritte che risalgono al 780, quando veniva nominata da un manipolo di longobardi che decideva di stabilirsi qui dopo aver lasciato Calci.
Oggi è ecodistretto cartario, tra le eccellenze produttive italiane, e tappa immancabile del tratto della Francigena che va da Lucca ad Altopascio.

Cosa vedere a Porcari e dintorni

Il borgo è dominato dall’imponente chiesa in marmo bianco dedicata a San Giusto, al lato della quale svetta una possente torre campanaria. Dal piazzale antistante la chiesa, si gode di un bel panorama sulla piana e sulla sottostante cittadina. Gli amanti della campagna e del relax possono raggiungere a piedi la località La Torretta, un altro notevole punto panoramico che offre una vista amplissima su tutta la Piana di Lucca. Questa area di quasi 9 ettari è stata trasformata in parco naturalistico ed è quasi tutta ricoperta da pini, corbezzoli, querce e altre specie botaniche. Sulla sommità svetta anche una piccola costruzione detta “la casina della torretta”, la parte restante di una torre di avvistamento. Questa collina controllava il passaggio tra il Lago di Bientina e le ultime propaggini dell’Appennino percorso dai pellegrini che si dirigevano a Roma.

Cuore pulsante della città è la Fondazione Lazzareschi, che ha sede in centro in un suggestivo edificio di architettura contemporanea e ospita mostre ed eventi.

Lungo il percorso della Via Francigena, nella località Rughi, si trova una chiesa dedicata alla Natività di Santa Maria Santissima la cui costruzione risale al Medioevo. All'interno è possibile ammirare un pregevole dipinto del XVI secolo raffigurante una "Madonna Incoronata e Santi".

A pochi chilometri dal borgo, nella cosiddetta “Piana delle cento fattorie”, è possibile visitare l'Area Archeologica Fossa Nera che conserva sia i suggestivi resti di un villaggio risalente all’Età del Bronzo, sia ruderi di antiche abitazioni etrusche e romane.

Piatti e prodotti tipici

La Piana di Lucca vanta una profonda vocazione agricola. Nel Territorio si produce l’olio extra vergine di oliva Lucca DOP e il vino Colline Lucchesi DOC bianco, rosso e Vinsanto. Il terreno sciolto ben si adatta infatti alla coltivazione di molte varietà di fagioli, orgoglio della cucina locale e ingrediente fondamentale per la preparazione di zuppe come la zuppa alla frantoiana.