Photo ©Pavla Dolenska
San Vincenzo
Dune di sabbia, macchia mediterranea e mare cristallino nella Costa degli Etruschi

San Vincenzo si trova al centro della Costa degli Etruschi, una lingua di terra che da Livorno scende giù fino al promontorio di Piombino. Le spiagge di sabbia chiara e finissima che caratterizzano il paesaggio di San Vincenzo, si allungano lungo un mare color cobalto.
La vicina pineta, folta e ombrosa, è fittamente attraversata da sentieri ideali per passeggiate a piedi, in bicicletta e a cavallo. San Vincenzo, da molti anni bandiera blu, unisce alle bellezze naturali la comodità dell’accoglienza, combinazione che ne fanno un’ottima destinazione turistica.

San Vincenzo fu abitato fin da età antichissima e agli Etruschi non sfuggì l'importanza strategica del luogo. La sua vicinanza a Populonia, all'epoca potentissima Lucumonia, lo rese un luogo appetibile per la presenza sia di giacimenti minerari sia di estese foreste. Fra il IX ed il V secolo a.C. San Vincenzo divenne così una zona industriale e di commercio legata all'attività estrattiva.

Il mare è sicuramente la principale attrazione del paese, cui fa da cornice una splendida spiaggia di fine sabbia dorata che si stende per chilometri, ospitando stabilimenti balneari alternati ad ampi tratti di arenile attrezzati con Punti Azzurri, dove è possibile usufruire di servizi e assistenza.
Punteggiano il litorale, oltre all’antica Torre di San Vincenzo, suggestive fortificazioni e vedette di avvistamento, un tempo utilizzate per la difesa della costa dagli assalti dei pirati.
Il porto turistico di San Vincenzo, antico scalo per il commercio, offre oggi servizi di qualità per gli amanti della nautica da diporto.

Il Parco Naturale di Rimigliano è un’oasi floro-faunistica situata direttamente sul mare. Fondato nel 1973, con una superficie di circa 120 ettari, il Parco rappresenta uno dei luoghi più suggestivi del litorale, facilmente accessibile e piacevole da scoprire.
Lungo il tratto su cui si estende, tra San Vincenzo e il golfo di Baratti, fiorisce il giglio di mare e le dune sabbiose sono ricoperte di ginepri, di mirto e di lentisco, mentre boschi di lecci e sugheri e la folta pineta lambiscono la spiaggia.
Nel Parco vivono animali come lo scoiattolo rosso, il moscardino, i conigli selvatici, le donnole, le volpi e, tra i volatili, i fagiani, le cince, le ghiandaie e il picchio verde.

San Vincenzo offre inoltre la possibilità di praticare tutti gli sport legati al mare: non mancano strutture per il nuoto, la pesca, le immersioni subacquee, la vela, lo sci nautico e il windsurf. Sono presenti inoltre campi sportivi e piste di atletica, due palazzetti dello sport per il basket e la pallavolo, un velodromo e un’avio-superficie.

Intorno al territorio di San Vincenzo si trovano: borghi medioevali come Suvereto e Campiglia Marittima, parchi archeologici e le terme di Venturina – circostanze che fanno di San Vincenzo un baricentro ideale per scoprire le bellezze della Costa degli Etruschi, un litorale caratterizzato dall’intensità della natura e dalla forza dei suoi colori e dall’impronta di una storia millenaria. 

Da non perdere anche la piccola frazione collinare di San Carlo, distante 5 Km dal centro del paese e dal mare: un piccolo borgo ai piedi del monte Calvi e del monte Coronato. Un tempo era un villaggio minerario mentre oggi è un vero e proprio quartiere collinare da cui si ammira tutta la bellezza della costa.

A metà Agosto, ogni anno, si svolge Il Tuscany on Festival: con eventi musicali, cabaret, gruppi musicali e dj, che in Piazza Unità d’Italia unisce più generazioni a ritmo di musica; il tutto accompagnato dai classici fuochi artificiali che illuminano tutto il litorale.

Abitata già in epoca antichissima, prima dagli etruschi e poi dai romani, oggi San Vincenzo è una cittadina accogliente, che offre anche l’occasione di gustare vini di eccellente qualità, essendo il territorio di San Vincenzo attraversato dalla prestigiosa Strada del Vino della Costa degli Etruschi.