Photo ©TPT
Scansano
Il borgo medievale maremmano famoso per il suo Morellino

Scansano è un borgo dell’entroterra collinare maremmano, situato tra la costa e le pendici del Monte Amiata, in un punto aperto da cui è possibile godere di splendidi e vasti panorami.
Il territorio di Scansano è stato abitato sin dall’antichità, prima dagli etruschi e poi dai romani, come testimoniato dal sito archeologico di Ghiaccioforte.

In seguito la zona fu dominata dagli Aldobrandeschi, che vi costruirono un castello poi divenuto un convento. Passato sotto i conti di Santa Fiora nel XVI secolo, Scansano crebbe assumendo l’assetto urbanistico che ha ancora oggi. Successivamente il paese conobbe una fase di ulteriore sviluppo sotto i Granduca di Lorena, che istituirono la cosiddetta estatatura: durante il periodo estivo gli uffici pubblici di Grosseto venivano trasferiti qui, ma per numerose famiglie divenne una migrazione definitiva.

Passeggiando tra le viuzze del centro storico, potrete ammirare numerosi edifici medievali e splendidi panorami sulla campagna circostante. Accompagnati dalle guide ambientali locali, a piedi o a cavallo, si possono apprezzare al meglio le bellezze ambientali e naturalistiche di questa zona. 

Da visitare la chiesa di San Giovanni Battista, di origine medioevale e trasformata in collegiata nel 1630.  
In paese inoltre si trovano due musei che vale sicuramente la pena di segnalare: il Museo della Vite e del Vino e il Museo Archeologico.

La Maremma che circonda Scansano non è più la terra selvaggia, aspra e disabitata di un tempo. Il panorama è caratterizzato da verdi colline fitte di pascoli, rigate dai filari di vigne e ulivi che ne hanno fatto una meta ideale per stare a contatto con la natura, camminando lungo sentieri di macchia mediterranea, ginestre, cisto e corbezzolo.
Uno dei punti più caratteristici si trova sulla cima di un colle che sovrasta il paese, lì dove c’è il Convento del Petreto. Il complesso religioso mostra resti di muraglie aldobrandesche e una chiesa di fondazione romanica, ma soprattutto è inserito in una splendida cornice, trovandosi in posizione isolata tra boschi di querce, lecci, cipressi e pini.

Immancabile una visita anche al Santuario di San Giorgio a Montorgiali, nel comune di Scansano. Oggi meta finale di una suggestiva cavalcata che si svolge nel giorno del festeggiamento del santo.

A pochi km da Scansano, nel cuore della Maremma Toscana, ci sono le Terme di Saturnia, un vero paradiso dove dedicarsi al benessere e rigenerare corpo e mente.

Il momento ideale per scoprire questo territorio è l’inizio dell’autunno, quando si svolge la manifestazione Settembre a Scansano Morellino e sapori Doc: la trazione è la padrona di casa che invita a degustare tutti i suoi prodotti tipici, come il Morellino.

Il paese di Scansano è famoso per la produzione di un particolare tipo di vino rosso, il Morellino di Scansano.
Nel borgo e nei dintorni enoteche e cantine sono sempre aperte per degustare questo vino vivace, dal sapore intenso e dai profumi ricercati. Il Morellino di Scansano è tra i più noti vini rossi toscani e sicuramente il più tipico della Maremma. Un vino che nasce in collina, dove già gli etruschi coltivavano, e con i profumi del mare a renderlo speciale.